Un esercito europeo comune

In English En Français

Proposta di petizione al Parlamento Europeo

A. considerando che il disimpegno americano dal fronte europeo iniziato sotto l’amministrazione Obama e intensificato sotto l’amministrazione Trump, rafforza la necessità per l’Unione europea di dotarsi di credibili strumenti di difesa autonoma;

B. considerando che un sistema autonomo di difesa europea è del tutto compatibile con l’appartenenza alla Nato di numerosi stati membri; il principio della solidarietà atlantica, in ogni caso, non è più in grado di salvaguardare da solo la sicurezza europea in un quadro strategico non più dominato, come durante Guerra Fredda, dalla logica dei blocchi, ma segnato al contrario dalla loro progressiva e problematica disintegrazione;

C. considerando che l’esistenza di 27 eserciti nazionali e numerose industrie militari nazionali comporta considerevoli sovraccosti finanziari, oltre a significativi problemi di integrazione operativa;

D. considerando che, come è stato dimostrato dagli interventi in Libia e in Siria, nessun paese membro dell’Unione europea è più in grado di condurre e concludere da solo interventi militari di media intensità;

E. considerando i forti rischi di ulteriore destabilizzazione delle regioni Maghreb-Sahel e del Medio Oriente e le importanti pressioni migratorie che questa rischia di provocare;

F. considerando il consolidamento alle frontiere dell’Unione di regimi profondamente antiliberali, percorsi da forti sentimenti nazionalisti e da rigurgiti imperialistici;

G. considerando che le esperienze di integrazione dei corpi militari europei non sono state convincenti in ragione, principalmente, della permanenza del legame delle diverse “parti” con i rispettivi governi nazionali;

H. considerando che le industrie militari nazionali costituiscono oggi uno dei principali ostacoli alla creazione di un esercito europeo;

I. considerando che un progetto di esercito europeo deve essere sufficientemente ambizioso, anche in termini di bilancio, per costituire un incentivo forte al raggruppamento delle industrie militari nazionali in seno a gruppi europei;

J. considerando che un progetto di integrazione europea sui temi della difesa e della sicurezza non puo’ partire né passare dalla costituzione di un unico esercito europeo ma dall’istituzione di un primo nucleo di esercito comune e comunitario, sottoposto all’autorità delle istituzioni europee, per affrontare emergenze e contribuire, affianco degli eserciti nazionali, alla difesa comune dell’Europa;

H. considerando che a questo fine è istituzionalmente attivabile la procedura della Cooperazione Strutturata Permanente, come prevista agli articoli 42 et 46 del Trattato sull’Unione europea (TUE);

 

  1. chiediamo al Parlamento europeo di invitare la Commissione a costituire un gruppo di lavoro composto da personalità dalle riconosciute competenze in campo militare e politico, due per ciascuna delle quattro istituzioni dell’Unione (Commissione, Consiglio europeo, Consiglio e Parlamento) e due per ciascuno stato membro dell’Unione pronto ad impegnarsi in un progetto europeo di integrazione militare attraverso l’istituzione di un esercito comune;
  2. chiediamo al Parlamento europeo di invitare la Commissione ad incaricare questo gruppo di personalità:

– di redigere un libro bianco sulla sicurezza e la difesa dell’Unione, nel quale siano analizzate tutte le minacce alle quali l’Unione europea nel suo insieme è esposta e da cui nel suo insieme deve essere in grado difendersi;

– di realizzare uno studio approfondito di fattibilità sul progetto di un esercito europeo comune e comunitario, tenendo conto dei seguenti criteri:

a) la piena integrazione istituzionale e politica di tale esercito nelle attuali istituzioni dell’Unione; in questo quadro il Consiglio europeo dovrebbe agire come Alto Consiglio di Sicurezza dell’Unione abilitato ad autorizzare, su proposta del Presidente della Commissione, il dispiegamento dell’esercito comune;

b) l’esclusione dell’opzione di un mero coordinamento o di una semplice integrazione funzionale di segmenti di eserciti nazionali, a vantaggio dell’opzione della creazione ex nihilo di un esercito comune europeo composto da soldati ed ufficiali europei;

c) un’ipotesi di stanziamento di bilancio pari al 0,3 % del PIL complessivo per i paesi che partecipino a questa Cooperazione Strutturata Permanente.

 

Email to someoneShare on Facebook0Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter0share on Tumblr

2 thoughts on “Un esercito europeo comune

  1. Pingback: Sulle orme di Jean Monnet, qualche proposta per l’Ue - L'Européen

  2. Pingback: Une armée européenne commune - L'Européen

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *